Project Cars 2: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 26-09-2017 7:35

Dagli autori di Need For Speed Shift, arriva Project Cars 2. Dopo aver ottenuto i fondi necessari per lo sviluppo tramite Kickstarter, l’ambizioso progetto ottiene un sequel meritato, ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione, su gentile concessione Bandai Namco.

Simulazione oltre i limiti

Project Cars 2 si presenta come una valida alternativa a brand come Gran Turismo e Forza Motor Sport. facendo leva sulla simulazione piuttosto che l’arcade.

Al primo avvio ci ritroveremo già a gareggiare con i settaggi realistici per gli aiuti, dal cambio automatico ad una difficoltà ridotta, con la possibilità di modificare ogni elemento, per personalizzare al meglio il proprio stile di guida.  

Una delle caratteristiche che differenzia Project Cars 2 dai suoi rivali, risiede nel sistema della fisica delle gomme oltre il sistema atmosferico di altissimo livello, ciò è reso possibile grazie al Livetrack 3.0.

Le piste vengono scansionate tramite droni e laser e mutano in base alle precipitazioni, da pozzanghere formatesi dopo gli acquazzoni a lastre di ghiaccio e neve a volontà. 

Le gomme reagiscono a tali mutamenti donando al giocatore un senso di simulazione più coinvolgente possibile. Il numero di auto presenti nel titolo è molto generoso, nonostante la guidabilità di alcune di esse sia da discutere.

Migliorati gli impatti, il sistema di danni e l’intelligenza artificiale rispetto il primo capitolo della serie, con gare più impegnative e realistiche.

Rispetto Gran Turismo, Project Cars 2 non offre un sistema di progressione, per tanto non aspettatevi patenti da ottenere, le auto sono accessibili fin da subito per le gare singole.

La carriera si divide in numerosi tornei di abilità, permettendo di iniziare da categorie minori per passare poi a competizioni più complesse. Se le auto in singolo sono accessibili fin da subito, nella carriera sono legate a competizioni, che vengono sbloccate salendo di livello e portando a termine gli eventi.

Purtroppo però non è possibile personalizzare il pilota, ma per lo meno abbiamo a disposizione una squadra di ingegneri che cambia automaticamente l’assetto della macchina, a seconda delle risposte fornite a domande ben mirate.

Che Slighlty Mad voglia puntare sul mondo degli e-sport non vi sono dubbi, il multiplayer online risulta ben solido e vario, dalle classiche gare ad un menu dedicato allo streaming online e degli eventi ufficiali oltre che le sfide della community.

Project Cars 2 gira a 60 FPS sia su PC che su Console con un comparto grafico di tutto rispetto, permettendo ai giocatori su PC di giocare sia in 4K che con multi monitor o in VR per la massima immersione. 

8.6

Project Cars 2 è un simulazione di tutto rispetto, da un comparto grafico curato in ogni dettaglio, ad un gameplay difficoltoso quel tanto che basta da spingere i giocatori a prestare la massima attenzione ad ogni curva. Numerose ma non troppo le auto presenti nel titolo ed altrettanto gli eventi ai quali è possibile partecipare durante la carriera, nulla da ridire per il comparto multiplayer e la generosa presenza di impostazioni grafiche per la versione PC. Project Cars 2 risulta accattivante e immersivo sia in 4K che in VR, donando ai giocatori un senso di coinvolgimento senza precedenti.

Grafica
9.0
90%
Gameplay
8.0
80%
Sonoro
8.5
85%
Longevità
8.8
88%

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato