Oceanhorn: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 24-06-2017 9:00 Aggiornato il: 24-06-2017 9:46

Dopo il debutto su Android, Xbox One, PS4, PC e VITAOceanhorn approda anche su Switch ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione. Sviluppato da Cornfox & Bros ha fin da subito destato il nostro interesse, grazie alla presenza di una struttura simile a quella vista nella serie Zelda. Oceanhorn si presenta come una valida alternativa all’esclusiva Nintendiana.

Verso una nuova avventura

Il protagonista si risveglia trovando accanto a sè la lettera del padre, nella quale lo informa di essere partito per affrontare una creature malvagia, che minaccia la pace nel mondo da cui il gioco prende il nome ossia Oceanhorn

Inizia cosi l’avventura alla ricerca del padre scomparso da tempo, esplorando le varie isole disseminate nel mare, facendo la conoscenza di nuove civiltà tra dungeon da completare e segreti da svelare. 

Oceanhorn_screenshot_July_2013

Una longevità generosa

Come accade nella saga Zelda, anche in Oceanhorn avremo a disposizione un arsenale standard composto da spada e scudo ,con la possibilità di usufruire di un equipaggiamento aggiuntivo tra bombe, arco e magia. 

Non mancano cuori e chiavi da raccogliere che consentono di aprire forzieri e ricevere oggetti speciali, un vasto inventario dove riporre il proprio arsenale e un mondo di gioco tutto da esplorare.

Oceanhorn

A causa dell’assenza di indicazioni su come proseguire l’avventura, ci si ritrova spesso a girovagare per la mappa imbattendosi di tanto in tanto in dungeon o misteri da svelare, il tutto condito con un sistema di controllo dalle meccaniche semplici e ripetitive. 

Nonostante sia stato concepito inizialmente per il mobile, Oceanhorn è in grado di offrire ben 15 ore di gioco, ciò è dovuto anche alla generosa presenza del backtracking che costringe il giocatore a tornare sui propri passi per recuperare oggetti chiave o esplorare zone inizialmente inaccessibili.

Oceanhorn GAMEPLAY TRAILER

ùù

A discapito della controparte Android, l’edizione Switch cosi come quella uscita su Xbox One e PS4 vanta una serie di contenuti aggiuntivi tra cui una nuova isola tutta da esplorare, il minigioco della pesca ed altro ancora. 

Se avete apprezzato Zelda vi innamorerete fin da subito di Oceanhorn, da una visuale isometrica che ricorda i primi capitoli della serie videoludica più famosa di Nintendo ad un sistema di gioco concepito per attirare a se tutti coloro che sono cresciuti con il celebre Link

7.6

Oceanhorn è in grado di trasportare il giocatore in un mondo di gioco tutto da esplorare, rivolto sia agli appassionati di ZELDA che a coloro che sono alla ricerca di un titolo longevo e divertente quel tanto che basta da essere giocato sia sul grande schermo che in mobilità, grazie alle funzionalità proposte dalla Nintendo Switch.

Grafica
7.5
75%
Gameplay
8.0
80%
Longevità
7.8
78%
Trama
7.5
75%
Sonoro
7.0
70%

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato