DEAD SYNCHRONICITY: TOMORROW COMES TODAY – Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 28-11-2017 9:10

Per la gioia di tutti gli amanti delle avventure grafiche, Fictoriama Studios porta su Nintendo Switch, Dead Synchronicity: Tomorrow Comes Today, un punta e clicca che ha destato molto l’interesse dei giocatori su PC, grazie ad una trama strappalacrime e profonda, ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione

DEAD SYNCHRONICITY: TOMORROW COMES TODAY Recensione

Un cataclisma noto come Grande Onda ha spazzato via la civiltà, stabilendo un nuovo regime, il quale tenta di mantenere l’equilibrio dopo la recente distruzione, governato da un’ordine che giustizia gli individui affetti da un particolare morbo.

Nel gioco vestiamo i panni di Michael, un uomo senza memoria, vittima di visioni inquietanti, sopravvissuto alla catastrofe, il quale si ritroverà a vagare in uno scenario deprimente, nel tentativo di recuperare i suoi ricordi. 

A differenza delle tante avventure grafiche, in Tomorrow Comes Today avremo a disposizione un inventario virtuale molto generoso, nel quale depositare tutti gli oggetti raccolti nel corso dell’avventura, i quali oltre a poterli utilizzare singolarmente, possono essere anche combinati tra di loro, per dare vita a nuovi strumenti.

Analizzando l’ambiente circostante, potremo scoprire quale oggetto potrebbe tornarci utile per proseguire. L’interazione con gli scenari è gestita da una sorta di cursore che su Nintendo Switch, possiamo spostare con l’aiuto dello stick analogico, mentre con i pulsanti indicati, far compiere a Michael determinate azioni, dalla semplice osservazione dell’oggetto desiderato, al prelievo dello stesso. 

Nel corso dell’avventura, potremo interagire anche con i vari personaggi incontrati, allo scopo di concatenare gli eventi tra di loro, convincendo le persone a fidarsi di noi, portando a termine le varie richieste. 

Non manca all’appello il backtracking, il quale ci costringe a tornare sui nostri passi, allo scopo di recuperare oggetti fondamentali per proseguire, o risolvere enigmi lasciati inizialmente in sospeso. L’avventura è suddivisa in 4 capitoli, portandoci ai titoli di coda in circa 6 ore di gioco, la giusta longevità per un’avventura grafica.  

In qualsiasi momento, è possibile richiamare l’inventario, allo scopo di utilizzare uno o più oggetti raccolti nei singoli scenari, nel tentativo di risolvere banali e a volte frustranti enigmi. 

Il tutto viene accompagnato da un comparto grafico ben realizzato,in grado di conferire sia alle ambientazioni che ai personaggi, un’aspetto malinconico e deprimente. Il doppiaggio in inglese, con la possibilità di ricorrere ai sottotitoli italiani, è perfettamente in linea con le personalità dei singoli personaggi.

Il comparto audio si sposa alla perfezione con gli eventi, coinvolgendo emotivamente il giocatore. Tomorror Comes Today si presenta come un’avventura grafica emozionante, originale e tutt’altro che divertente, in un mondo post apocalittico dove pietà e misericordia sono scomparsi da tempo. 

Nonostante si tratti di un titolo concepito principalmente per PC, si comporta egregiamente su Nintendo Switch, sopratutto giocando con i Joy-Con sconnessi.

Nessun calo di frame, errori grafici o sonori, con tempi di caricamento ridotti all’essenziale, un’avventura grafica di tutto rispetto che merita un posto sulla vostra console Nintendiana, da una trama strappalacrime e riflessiva, ad un comparto grafico originale. 

Tomorrow Comes Today è la dimostrazione di come una trama ben realizzata, sia il cuore pulsante di un’esperienza videoludica, in grado di destare l’interesse del giocatore, per l’intera durata.

DEAD SYNCHRONICITY: TOMORROW COMES TODAY Gameplay Trailer

7.8

Grafica
7.5
75%
Gameplay
7.0
70%
Sonoro
7.8
78%
Longevità
8.0
80%
Trama
8.5
85%

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato