Candleman: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 06-11-2017 7:30 Aggiornato il: 06-11-2017 7:31

Lo studio di sviluppo cinese “Spotlightor Interactive” debutta sul mercato con il suo primo capolavoro, intitolato Candleman, ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione, dopo aver messo le mani sull’edizione Xbox One del titolo. 

Candleman Recensione

Candleman ossia Uomo Candela, narra la storia di una piccola candela solitaria, la quale vive all’interno di una nave abbandonata. Un giorno guardando la sua immagine allo specchio, si chiede quale sia il suo reale scopo e la ragione che la induce a bruciare, fino a quando un raggio di luce illumina gli anfratti bui della nave, attirando la sua attenzione.

Come avete potuto capire, si tratta di una fiaba videoludica suddivisa in livelli, nei quali lo scopo è quello sia di illuminare le altre candele che di raggiungere la luce con le 10 vite a disposizione, evitando sia di cadere nel vuoto che di consumarsi totalmente.

Bruciare più di 10 secondi ci porta inesorabilmente di fronte al gameover, per tanto ci ritroveremo per tutta la durata dell’avventura, composta da 34 stage suddivisi in 9 capitoli, ad usare la nostra luminosità saggiamente, accendendo la candela per pochi nano secondi, giusto il tempo di illuminare il cammino o le altre candele. 

Il viaggio inizia dalle profondità della nave passando per le varie sezioni della stessa, portandoci a risolvere enigmi banali e basati sulla fisica o apertura di botole ed altro ancora, scalando pile di libri, saltando su fogli di carta o altri elementi nello scenario.

Inutile dire che con l’avanzare dei livelli incrementa anche la difficoltà, nonostante la totale o quasi assenza dei nemici e boss. Uno dei lati negativi del titolo, risiede nella camera che non sempre corre in nostro aiuto, occultando a volte la visuale a causa della presenza di ostacoli su schermo.

L’assenza della lingua nostrana, rende la trama ostica da comprendere, a causa della presenza di testi consultabili prima e dopo il completamento dei livelli, costringendo coloro che non masticano la lingua estera, a ricorrere ai traduttori.

Due sono i pulsanti da gestire durante l’avventura, il salto e l’accensione della candela, oltre naturalmente i movimenti del personaggio tramite lo stick analogico.  

Candleman è in grado di tenervi incollati allo schermo per 3 ore circa, il tempo necessario per raccontare una storia intriga di mistero e paura, stupore e malinconia.

Il comparto tecnico ed artistico rendono il titolo degno di essere acquistato e giocato fino in fondo, a dimostrazione di come la semplicità a volte sia la chiave del successo.

Candleman GAMEPLAY TRAILER

7.2

Grafica
8.0
80%
Gameplay
7.8
78%
Sonoro
6.8
68%
Longevità
6.5
65%
Trama
7.0
70%

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento