Blast Out: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 11-10-2017 8:12

In questo ultimo periodo abbiamo assistito all’evoluzione del genere battle arena, ed oggi vogliamo condividere con voi la Recensione di Blast Out. Dopo aver ottenuto i fondi necessari per lo sviluppo tramite la piattaforma Kickstarter lo scorso Febbraio, Blast Out è finalmente approdato su Steam, proponendo un battle arena brawler coinvolgente, divertente e dinamico. 

Blast Out Recensione

Sviluppato da Tarhead Studio, Blast Out è disponibile sulla celebre piattaforma in versione Early Access, in continuo aggiornamento sia con contenuti che migliorie rivolte a rendere il gameplay più fluido e dinamico possibile.

Blast Out offre un gameplay che muta in base all’arena in cui si trova, costringendo un certo qual senso i giocatori, ad utilizzare a proprio vantaggio le strutture presenti sulla piccola piattaforma di combattimento.

I giocatori possono personalizzare i propri eroe scegliendo tra una vasta gamma di opzioni tra cui armature, equipaggiamenti, stile di combattimento e molto altro, con la possibilità di installare fino a 4 abilità per ciascun personaggio, per un totale di 28 abilità di attacco, difesa e controllo.

I personaggi a disposizione possono inoltre utilizzare armamenti differenti ed equipaggiare delle abilità speciali per ogni singola arma a disposizione, consentendo al giocatore di mescolare vari stili di combattimento.

Ispirato alla mod Warlock di Warcraft III, Blast Out ci porta in arene di piccole dimensioni e con visuale isometrica, dove lo scopo del gioco è quello di annientare i nemici utilizzando sia il vasto arsenale a disposizione, che gli oggetti presenti nello scenario. 

Dal menù principale è possibile selezionare il combattente da utilizzare, personalizzandolo prima degli scontri, i quali avvengono tramite un matchmaking rapido o personalizzabile, cimentandosi inoltre in una sorta di allenamento, dove è possibile apprendere i comandi di gioco.

Al termine di ogni partita  si ricevono ricompense in bottino e monete da spendere per l’acquisto di potenziamenti, abilità ed altro ancora, come avviene in ogni gioco di questa tipologia. 

Numerosi ma non troppo sono i lottatori a disposizione e altrettanto le arene che si distruggono autonomamente, causando la fine della partita e assegnando la vittoria a colui che ha stabilito il punteggio migliore e che ha eliminato gli avversari il maggior numero di volte.

Il tutto viene gestito da un motore grafico in cell shading, ispirato per certi versi a titoli come Overwatch, Paladins e tanti altri MMO.

Blast Out Gameplay Trailer

6.8

Grafica
7.0
70%
Gameplay
6.5
65%
Sonoro
7.5
75%
Longevità
6.8
68%
Trama
6.0
60%

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato