Recensione : Fable 2

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 07-12-2008 11:50 Aggiornato il: 28-08-2015 22:44

Dopo Fable e Fable The Lost Chapter dalla mente geniale di Peter Molyeneux ecco arrivare Fable 2 in esclusiva per XBOX360 e GameBrain l’ha recensito per voi.

Prima di iniziare la recensione del titolo devo raccontarvi un po’ la trama del primo Fable per capire questo seguito. In Fable impresonavamo un ragazzino che man mano cresceva fino a diventare adulto e da li potevamo scegliere se seguire il sentiero del bene o del male. Ogni nostra scelta aveva una conseguenza.
Il nostro villaggio fu raso al suolo da briganti comandati da Jack di Spade che non solo rapì la famiglia di questo ragazzo il cui nome non è mai stato detto, ma cavò gli occhi anche alla sorella veggente che aveva previsto tutto questo. Durante l’avventura dovremo compiere molte missioni sia secondarie che primarie ed arrivare fino al combattimento finale nella gilda con Jack di Spade.

In Fable 2 la storia inizia dopo 500 anni dal primo Fable e, anche in questo capitolo, impersoneremo un ragazzino che crescerà e man mano diventerà adulto e dovremo scegliere la strada tra il bene e il male. Saremo guidati da Theresa che è la sorella cieca dell’eroe del primo Fable durante il corso della storia. Anche questo titolo, come il precedente, contiene molte missioni secondarie e primarie che potremo decidere se svolgere o meno per quanto riguarda le secondarie. Un consiglio è quello di svolgerle tutte per ottenere fama, denaro e tanto altro ancora.

A differenza di Fable, in Fable 2 il personaggio è dotato di una scia che ci indica il sentiero da percorrere; proprio per questo nel precedente capitolo era molto facile perdersi data la vastità degli ambienti circostanti. Il protagonista potrà nuotare e sarà dotato oltre che di armi bianche, anche di fucili e balestre, che ci permetteranno di cacciare prede o eliminare con più facilità i nemici. Non temete perchè il protagonista sarà dotato anche di poteri magici diversi dal precedente titolo, per alcuni aspetti positivi ma per altri negativi.  Potremo sposarsi e fare prole, acquistare una casa, metterla in affitto o venderla, acquistare anche i negozi e aumentare il prezzo dei prodotti, e se i mobili della nostra casa non ci soddisfano, potremo rivenderli e acquistarne di più nuovi e lussuosi, ma le novità non finiscono qua, dato che avremo come compagnia durante la nostra avventura, un cane fedele che cambierà di carattere in base al nostro eroe. Nelle città e villaggi potremo giocare a giochi d’azzardo per guadagnare un po’ di soldi, o andare in libreria a farci una cultura, o ancora potenziare il cane o l’eroe con nuove espressioni che servono a convincere le persone; è inoltre possibile farsi costruire una statua in ogni località.

E’ importante e necessario potenziare il cane perchè è un compagno utilissimo per aiutarvi a trovare le chiavi e i tesori nascosti nel corso del gioco abbaiando e portandovi nel luogo preciso dove scavare. Gli sviluppatori hanno anche introdotto degl elementi davvero interessanti come la possibilità di lavorare , la possibilità di incontrarvi online con gli amici o di giocare in una partita in co-op.  Per gli amanti dell’esplorazione gli sviluppatori hanno pensato non solo di mettere le porte del demonio apribili solo con determinate richieste, e le classiche chiavi per aprire i forzieri sparsi nel gioco, che già erano presenti nel primo Fable, ma anche il tesoro delle gargolle che è uno speciale tesoro che potrà aprirsi solo una volta distrutte tutte e 50 le gargolle sparse per i mondi. Le gargolle non sono altro che dei gargoyle di pietra che prendono in giro l’eroe. Dovremoe semplicemente sparargli contro.

In conclusione Fable 2 è un gioco che vi terrà giorni, se non mesi, incollati allo schermo, se avete intenzione di completarlo al 100 % con tutte le missioni svolte, armi leggendarie, fama e denaro al massimo, potenziamento e tutto il resto sbloccato. Un titolo da non lasciarsi scappare: sicuramente uno dei migliori giochi di ruolo della storia.

Gameplay : 9
Sonoro : 8,5
Longevità :9

Voto Finale :9

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata "Press Start"! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l'illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento