I contratti in Dishonored: La morte dell’Esterno

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 29-08-2017 9:04 Aggiornato il: 29-08-2017 9:06

Dishonored: La morte dell’Esterno ci farà vestire i panni di Billie Lurk, la quale ha una visione differente del mondo rispetto Emily Kaldwin e Corvo Attano. Cresciuta in strada e diventata un’assassina mercenaria e infine contrabbandiere e capitano della Dreadful Wale, Billie non ha mai condotto una vita agiata, ha sempre fatto il necessario per sopravvivere, a volte costretta ad uccidere per soldi.  


Alla scoperta dei contratti in La morte dell’Esterno

In Dishonored La Morte dell’Esterno, è presente un sistema di contratti che si affianca agli obiettivi secondari, ottenibili attraverso l’esplorazione del mondo di gioco. La morte dell’Esterno ci porta in un mondo in cui Billie può prendersi una pausa dalle missioni principali per aiutare i cittadini, al giusto prezzo naturalmente.   

Smith afferma:

Il sistema dei contratti è stato ideato dai membri della squadra Arkane di Lione, in Francia. Abbiamo pensato che dei contratti da mercenario potessero rappresentare un’aggiunta coerente al mondo di Billie, esattamente come i favori di Daud ne Il Pugnale di Dunwall e ne Le streghe di Brigmore, con i quali si faceva riferimento agli anni trascorsi in organizzazioni clandestine e ai debiti di sangue che presumibilmente molti avevano contratto con lui. Solitamente i contratti saranno disponibili nei negozi del mercato nero di Karnaca. Rispetto alle missioni cui ci ha abituato Dishonored, avranno spesso qualche aspetto peculiare.

Missioni a contratto

Rapisci il barista. Il barista dello Spector Club si è fatto alcuni nemici e uno di loro in particolare desidera farlo sparire dalla circolazione. In questo contratto dobbiamo rapire il barista dal club ancora affollato e lasciarlo, ancora vivo, su una cassa in cima a un tetto.

Morte al mimo. Qualcuno a Karnaca odia davvero i mimi. Se riusciremo a farne sparire uno per sempre facendolo sembrare un incidente, riceveremo una bella somma.

Molestie sul lavoro. Un impiegato di banca riceve periodicamente delle minacce e vuole che questa cosa finisca al più presto. Secondo lui, la donna che lo minaccia lavora per qualcuno. Sta a voi risalire dall’esecutore al mandante e ucciderli tutti. 

Il fratello mancante. C’è un fratello scomparso e un solo indizio: lo Spector Club. Dovremo perlustrare il club, localizzare l’uomo scomparso riportarlo alla cabina del fratello lungo il canale. 

Smith prosegue affermando:

In ogni nuovo gioco della serie Dishonored cerchiamo di introdurre sempre idee nuove e interessanti. In termini sia di atmosfera che di meccanica di gioco, i contratti rappresentano una novità per i giocatori, che spesso saranno costretti ad attraversare il mondo, a deviare dalla missione principale. In cambio, si verrà a conoscenza di persone, luoghi, dettagli magari di minore importanza, ma che aiuteranno a vedere le cose da un punto di vista diverso quando finalmente si tornerà a perseguire l’obiettivo principale.

A differenza di molte missioni, è possibile fallire un contratto. L’esito della missione principale non ne risentirà: semplicemente non verrete pagati. Ma anche questo non è un problema: sarà sempre possibile riprovare in una nuova partita, magari con l’aiuto di Partita Originale +, una modalità della quale parleremo in modo più approfondito nelle settimane a venire. A Karnaca il lavoro del mercenario non ha mai fine.

Dishonored: La morte dell’Esterno sarà pubblicato il 15 settembre 2017 per PlayStation 4, Xbox One e PC.

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata "Press Start"! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l'illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento