Nintendo Switch non adotterà i codici Amico per il multiplayer

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 30-12-2016 7:11

Con la WiiU, Nintendo ha mandato in pensione (per fortuna aggiungerei) i codici Amico per il multiplayer online. In data odierna giunge notizia sulla rete (da prendere con le pinze in attesa di una conferma o smentita) che anche Switch non adotterà i codici amico ma che si appoggerà ad un sistema simile a quello utilizzato su Xbox One e Playstation 4.

Nintendo Switch simile ai suoi rivali?

Nintendo ha definitivamente (secondo dei rumors) posto fine agli odiosi e scomodi Codici Amico per il multiplayer online, appoggiandosi ad un sistema simile a quello utilizzato dalla piattaforma, realizzato con la collaborazione di DeNA (autrice di Super Mario Run). Secondo delle voci di corridoio su Switch sarà finalmente possibile aggiungere Amici ad una lista per poi dialogare con loro anche attraverso i gruppi e le conversazioni singole “vocali”. 

Sarà quindi possibile inoltrare richieste di amicizia, scambiare messaggi, invitare gli amici al gioco online o a delle conversazioni private oltre la possibilità di dialogare con gli altri giocatori, chiaramente trattandosi di voci di corridoio vi invitiamo a considerarle tali fino a quando non avremo conferme o smentite da parte di Nintendo. Vi ricordiamo che Switch salvo imprevisti arriverà nei negozi a Marzo ad un prezzo non ancora definito anche se si parla di un 299 euro circa per la versione base e un 399 euro per quella completa munita anche di un controller PRO.

Switch come suggerisce il nome stesso consente di passare dal casalingo al mobile e viceversa senza interruzioni, con la possibilità di utilizzare i 2 controller per giocare in singolo o in doppio. Tra i titoli di lancio troveremo il nuovo Super Mario 3D, una versione rivista e aggiornata di Mario Kart 8 e di Splatoon, mentre nei mesi successivi saranno disponibili ulteriori titoli di cui alcuni esclusivi. 

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata "Press Start"! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l'illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento