Resident Evil 7: Anteprima, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 05-01-2017 7:38 Aggiornato il: 26-01-2017 8:40

Ci stiamo avvicinando al lancio di Resident Evil 7 su PC e Console e per tale occasione vogliamo condividere con voi la nostra Anteprima, ricordandovi che l’uscita del gioco è prevista in digitale e retail il 24 Gennaio 2017.

La casa degli orrori

Resident Evil 7 ci porta in una villa abbandonata, diventando per la prima volta nella serie un survival horror in prima persona ispirato al defunto Silent Hill P.T.  Nel gioco ci ritroviamo ad esplorare la casa popolata dalla terrificante famiglia Backer, lo scopo è quello di risolvere i vari delitti commessi nella struttura e di fuggire dalla stessa, evitando di finire tra le mani dei membri della famiglia che si aggirano per la dimora. 

Leggi anche Resident Evil 7: Recensione, Trailer e Gameplay

Il settimo capitolo di una delle saghe più amate dai videogiocatori mette da parte le sparatorie per dare maggiore importanza all’esplorazione, la quale ricopre un ruolo chiave. Ci ritroveremo per l’intera durata del titolo a risolvere enigmi, raccogliere collezionabili e sfuggire ai nemici che pur dovendoli affrontare singolarmente, sono in grado di eliminarci. Poche sono le armi a disposizione e difficili da recuperare, ciò obbliga il giocatore a girovagare per la casa cercando di risolvere gli enigmi ed aprire quella porta il più rapidamente possibile per non essere ucciso.

Nella demo abbiamo avuto modo di recuperare una pistola, nascosta in un Water ricoperto di sangue, per accedervi dovevamo recuperare una manopola situata nella cantina una volta individuata la chiave per accedervi, cercando di non fare una brutta fine a causa della presenza di un mostro. Questo chiaramente è un chiaro esempio di come trovare e recuperare le armi del gioco sia tutt’altro che semplice oltre a disporre di munizioni limitate, obbligando il giocatore ad utilizzare ogni singolo proiettile saggiamente.

Non aprite quella porta

Una delle minacce che ci accompagnerà nel corso del gioco è Jack, l’anziano proprietario della villa, il quale cercherà di ostacolarci ed eliminarci in ogni occasione. Oltre i membri della famiglia Backer dovremo vedercela con mostri che potranno essere uccisi solo con un colpo alla testa. Le armi presenti nel gioco sono state riprodotte fedelmente con un feedback tutt’altro che negativo e una forte dose di realismo sia nella ricarica che nel loro utilizzo.

Molti sono i consumabili da recuperare nel corso dell’avventura, dai proiettili ad oggetti che torneranno utili per uscire fuori da spiacevoli situazioni, tutti custoditi all’interno di un inventario che è possibile richiamare in qualsiasi momento. L’uccisione dei nemici contrariamente a quanto accadeva in passato non premia il giocatore con proiettili o altri oggetti utili, in ogni stanza della casa vi sono segreti nascosti e mobili con i quali è possibile interagire al fine di scovare collezionabili ed altro ancora utile per proseguire.

Per salvare la partita bisogna infilare una cassetta in un videoregistratore, i quali sono stati collocati strategicamente per offrire un numero di checkpoint soddisfacenti. 

Crafting nell’oscurità

Uno degli elementi tipici della serie che ritorna in Resident Evil 7 è la possibilità di unire le erbe ed altri elementi per creare pozioni mediche ed altri oggetti utili al fine di ripristinare la propria salute o avere qualcosa con cui affrontare i nemici oltre che risolvere gli enigmi. Nonostante sia presente la possibilità di parare gli attacchi degli avversari, la schermata si ricoprirà facilmente di sangue, indicando il nostro livello di salute vitale attraverso lo smartwatch.

Il team di sviluppo ha voluto precisare che l’utilizzo delle armi è un optional in quanto è possibile completare il gioco sfruttando gli elementi posti nello scenario, dando la possibilità di affrontare gli scontri con i Boss puntando sulla strategia più che sulle armi. Vi sono vari modi per uscire fuori da una spiacevole situazione, spetta al giocatore decidere se contare sulle proprie armi o sull’ambiente circostante. 

Resident Evil 7: biohazard, requisiti minimi PC

  • Sistema operativo: WINDOWS 7, 8, 8.1, 10 (64-BIT Required)
  • Processore: Intel Core i5-4460, 2.70GHz o AMD FX-6300 o superiore
  • Memoria: 8 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 760 o AMD Radeon R7 260x con 2GB Video RAM
  • DirectX: Versione 11
  • Memoria: 24 GB di spazio disponibile
  • Scheda audio: DirectSound compatible (DirectX 9.0c o superiore)

Resident Evil 7: biohazard, requisiti consigliati PC

  • Sistema operativo: WINDOWS 7, 8, 8.1, 10 (64-BIT Required)
  • Processore: Intel Core i7 3770 3.4GHz o AMD equivalente o superiore
  • Memoria: 8 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 1060 con 3GB VRAM
  • DirectX: Versione 11
  • Memoria: 24 GB di spazio disponibile
  • Scheda audio: DirectSound compatible (DirectX 9.0c o superiore).

Resident Evil 7 sarà disponibile anche in versione VR al lancio ma temporaneamente solo su Playstation 4 grazie al PSVR, la compatibilità con l’Oculus Rift arriverà mesi dopo l’uscita del gioco. Coloro che acquisteranno l’edizione PS4 potranno quindi decidere se affrontare la terrificante storia in realtà virtuale, utilizzando il DualShock 4 per muoversi e interagire con gli oggetti nello scenario.

Resident Evil 7 – Parola agli sviluppatori

Resident Evil 7 adotta una nuova visuale in prima persona ed è incentrato su un genere horror psicologico a differenza degli altri capitoli del franchise. Se guardate il gameplay che è stato pubblicato finora potete potreste pensare che si tratti di un reboot ma non è cosi. La storia e la narrazione sono state ideate perchè avessero un senso con l’intera saga in maniera tale da risultare un esponente numerato della serie. 

Si tratta ancora di Resident Evil ma focalizzerà le sue radici horror sull’esplorazione, puzzle e in alcuni casi su combattimenti,offrendo qualcosa di nuovo rispetto il passato.In Resident Evil 7 ci sono delle armi, come possono mancare? Sono difficili da trovare o almeno buona parte di esse. I giocatori si troveranno in situazioni in cui dovranno combattere ed avranno un bel arsenale di armi a disposizione ma non essendo facili da trovare ci si ritroverà spesso a fuggire. 

Resident Evil 7 Trailer

Come potete vedere dal trailer, il gioco inizia con l’arrivo all’abitazione accompagnati da un poliziotto per indagare sugli omicidi commessi nella villa disabitata, catturati dal capo famiglia ci ritroveremo a banchettare con il resto della famiglia Backer intenta a divorare carne umana e dopo averci risparmiato comincerà questo nuovo capitolo della famosa serie targata Capcom. Armati nei primi minuti solo di una pistola, dovremo recuperare i proiettili necessari per difenderci.

Resident Evil 7 si distacca molto dai precedenti capitoli, rispecchiando il nome del titolo che in italiano diventa “La casa malefica”, un vero e proprio ritorno alle origini secondo gli sviluppatori. Non ci resta che attendere il lancio del gioco per condividere con voi la nostra Recensione. 

Vi ricordiamo o informiamo nel caso non lo sappiate, che sia su PC che su Console è disponibile una versione dimostrativa del gioco, ambientata in una parte della casa e nella quale dovremo indagare su 5 omicidi per poi fuggire evitando di essere acciuffati dal capo famiglia o di finire tra le grinfie del mostro che abita la cantina della villa. 

Resident Evil 7 Gameplay

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata "Press Start"! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l'illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • resident evil 7 la cantina